Tra Tradizione e Modernità: Hotel di Charme per un’Epifania Indimenticabile in Italia

Luogo: 2 lettura minima166 viste

L’Epifania del 2024 è stata più di una semplice parentesi festiva: è stata un vero e proprio “strike” di viaggi, con oltre 6 milioni e 837 mila italiani che hanno abbracciato le strade prima di rientrare nella quotidianità post-vacanze. In questo scenario, la destinazione privilegiata è stata, ancora una volta, l’Italia, mentre una esigua minoranza ha optato per avventure oltre confine.
Il dato complessivo, secondo l’analisi di Bernabò Bocca, presidente degli albergatori italiani, è stato confortante per il comparto turistico nazionale. L’Epifania caduta di sabato ha premiato la festa nel fine settimana, evidenziando la predilezione degli italiani per il proprio paese come destinazione ideale. Un trend che si conferma nel tempo e che, ogni volta, rincuora.
L’indagine condotta dalla Federalberghi, supportata tecnicamente dall’Istituto ACS Marketing Solutions nel periodo tra il 4 e l’11 dicembre, ha coinvolto 3.000 persone maggiorenni attraverso interviste telefoniche, garantendo un campione rappresentativo di 50 milioni di individui maggiorenni. Il campione è stato costruito con precisione, rispettando quote di sesso, età, ripartizioni geografiche e dimensioni dei centri abitati.
I risultati dell’indagine sono eloquenti: il 97,1% degli italiani ha scelto l’Italia come meta per le vacanze dell’Epifania, mentre il restante 2,9% ha optato per destinazioni estere. La prossimità è stata la chiave, con il 64,7% che ha preferito restare nella propria regione o in una vicina.
Tra i viaggiatori, 2 milioni e 22 mila hanno scelto di spostarsi solo durante l’Epifania, 673 mila sono partiti da Capodanno, mentre 4 milioni e 141 mila hanno programmato una vacanza più lunga, dall’inizio delle festività natalizie alla Befana.

La durata media del viaggio durante l’Epifania è stata di circa 3,3 notti, con una spesa pro capite complessiva di 665 euro, di cui 645 per chi è rimasto in Italia e 1.133 per chi ha scelto destinazioni estere. Il giro di affari specifico del weekend si è attestato sui 1 miliardo e 345 milioni di euro.
L’albergo è risultato essere l’alloggio preferito nel 39,2% dei casi, seguito dal B&B con il 26,5%. La prenotazione diretta con la struttura (14,1%) o tramite il sito internet (33,3%) ha evidenziato un atteggiamento che alza l’asticella della fidelizzazione, un segno che gli italiani cercano un’esperienza di viaggio autentica e personalizzata.
Il motivo principale della vacanza è stato il desiderio di riposo e relax (60,8%), seguito da passeggiate (38,2%), assistere a spettacoli musicali (19,6%) e visitare monumenti (16,7%).
In conclusione, l’Epifania in viaggio è stata un trionfo dell’italianità, con il paese che continua a essere la scelta principale per le vacanze. Gli albergatori italiani, guidati dal presidente Bocca, si rallegrano di essere coinvolti fin dalle prime battute, offrendo ai loro ospiti la massima garanzia di un’esperienza indimenticabile. L’Epifania 2024 resterà nella memoria come un viaggio di successo, una celebrazione della bellezza e delle tradizioni italiane.